CollaborazioniLogoNew

  

Il team del LASC ha in attivo svariati progetti di ricerca in collaborazione con colleghi dell'Università di Pavia e con diversi ricercatori internazionali.

Ciò da un lato consente di avvalersi di un'équipe di ricerca multi-settoriale composta da esperti in diversi ambiti della Psicologia nell'arco di vita, dall'altro l'ambiente internazionale consente al LASC di confrontarsi con le più recenti evidenze sperimentali del settore.

Da queste collaborazioni sono sorti numerosi progetti e pubblicazioni, che hanno contribuito sia alla costruzione di un bagaglio di conoscenze approfondite sulle capacità socio-cognitive dei bambini, che allo sviluppo di modalità di intervento sempre più efficaci.

 


 

Professor Robin Banerjeerobin

Il professor Banerjee dirige presso la School of Psychology dell’University of Sussex (UK) il laboratorio CREES (Children’s relationships, Emotion, and Social Skills).

Insieme al suo gruppo di ricerca studia il funzionamento socio-cognitivo infantile e lavora in stretta collaborazione con le scuole e gli enti del territorio per promuovere la salute mentale e il benessere emotivo nei bambini.

Nella sua recente ricerca ha esaminato le variabili implicate nell’inclusione nel gruppo dei pari e nel bullismo, nonché i processi sociali e cognitivi legati all’ansia sociale. I risvolti applicativi della sua ricerca sono legati allo sviluppo e validazione di strategie facilmente inseribili nella vita scolastica che possano supportare il benessere sociale e emotivo degli alunni.    

La collaborazione con il Prof. Banerjee è iniziata nel 2009 e ha portato a pubblicazioni su riviste di prestigio, per quanto riguarda i seguenti ambiti di ricerca: relazione tra competenze socio-cognitive e inclusione sociale, possibilità di potenziare le abilità di teoria della mente in bambini della scuola primaria. 

Progetti in collaborazione con il LASC:

  • Promuovere la Teoria della Mente mediante supporti multimediali.
  • Promuovere la Teoria della Mente nel contesto classe.

Maggiori informazioni sul Prof. Banerjee ed il CREES lab possono essere reperite al seguente indirizzo:  http://www.sussex.ac.uk/psychology/cress/

 

Prof.ssa Valentina BambiniLaBambini2 1

Valentina Bambini (1978) è Professore Associato di Linguistica presso la Scuola Superiore Universitaria IUSS di Pavia e membro del Centro di ricerca in Neurocognizione, Epistemologia e Sintassi teorica (NEtS) http://www.nets.iusspavia.it/people/bambini.php

I suoi interessi di ricerca riguardano la neurolinguistica e l’ambito emergente della neuropragmatica e della pragmatica sperimentale, concentrandosi sugli aspetti neurocognitivi delle abilità comunicative, anche nella patologia.
Tra i suoi contributi principali, il primo studio di neuroimmagine in italiano sulla comprensione della metafora e il test APACS (Assessment of Pragmatic 
Abilities and Cognitive Substrates
) per la valutazione del deficit pragmatico nei pazienti neurologici e psichiatrici.
È coordinatrice nazionale di un progetto PRIN (2016-2019) che riguarda le abilità pragmatiche nell’arco di vita, nella patologia, e nel loro correlato neurofisiologico.

Il LASC rappresenta l’Unità di Pavia del progetto PRIN, curando la linea di ricerca sui rapporti tra Teoria della Mente e pragmatica nel bambino e nell’anziano.

  

Prof.ssa Elena Cavallinielena

La Prof.ssa Elena Cavallini è la direttrice del Laboratorio di Psicologia dell’Invecchiamento dell’Università di Pavia. I suoi principali interessi di
ricerca riguardano l’analisi delle funzioni cognitive nell’invecchiamento, con particolare attenzione alle capacità mnestiche nel corso di vita e agli aspetti metacognitivi. In questi anni, le sue ricerche si sono concentrate su: programmi di intervento per migliorare le prestazioni mnestiche; credenze sulla memoria e stili attributivi; teoria della mente nell’invecchiamento. Inoltre, la Prof.ssa Cavallini lavora nell’ambito degli aspetti psicologici di personalità rilevanti nella pratica sportiva, con particolare attenzione ai soggetti anziani e diversamente abili dal punto di vista motorio.

 

 

PalladinoProf.ssa Paola Palladino

La Prof.ssa Paola Palladino è la Responsabile del Laboratorio di Psicologia dell’Apprendimento presso l’Università di Pavia e Professore Associato di Psicologia Generale presso lo stesso ateneo.

I suoi interessi di ricerca riguardano la memoria di lavoro, i disturbi dell'apprendimento, e le difficoltà di apprendimento della lingua straniera, in particolare nei soggetti affetti da dislessia. Le sue ricerche si sono inoltre occupate di metacognizione, area in cui sono maggiormente attive le collaborazioni con il LASC.

 

Prof. Adriano Pagninpagnin

Adriano Pagnin è Professore Ordinario di Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell’educazione presso l’Università di Pavia, è stato coordinatore della sezione di Psicologia dello sviluppo dell’Associazione Italiana di Psicologia, membro del comitato direttivo dell’European Council for High Ability, referee di riviste italiane e internazionali di psicologia. E' autore, da solo o in collaborazione, di oltre centocinquanta pubblicazioni, fra volumi, capitoli di volumi nazionali e internazionali, e articoli su riviste italiane e straniere. La sua attivitàscientifica è stata supportata da finanziamenti ricevuti da Istituzioni quali MIUR, Istituto Superiore di Sanità, Consiglio Nazionale delle Ricerche. La sua attività ha riguardato lo sviluppo di abilità cognitive e sociali in bambini ed adolescenti (in particolare lo sviluppo della “teoria della mente” e del lessico mentale), lo sviluppo del giudizio morale e delle emozioni morali, il comportamento violento e i comportamenti a rischio.

 

Prof.ssa Tina Malti

tina malti

La Prof.ssa Tina Malti è Professore Associato nel Dipartimento di Psicologia presso l’Università di Toronto (Canada) e direttrice del laboratorio “Social-emotional Development and Intervention” (http://uoft.me/maltilab).

I suoi interessi di ricerca includono: le capacità di regolazione e l’esperienza emotiva in bambini ed adolescenti nell’ambito dei conflitti morali e dell’esclusione sociale; le traiettorie del comportamento aggressivo; lo sviluppo dell’orientamento prosociale dalla prima infanzia all’adolescenza.

Inoltre, persegue una linea di ricerca sul ruolo dello sviluppo socio-emotivo nella riduzione dell’aggressività e nella promozione del benessere del bambino sia in ambito scolastico che extra-scolastico.

La collaborazione con la Prof.ssa Malti è iniziata nel 2012 ed ha generato progetti di ricerca condivisi sulle diverse tipologie di comportamenti prosociali ed i loro legami con le emozioni morali, il ragionamento morale e lo sviluppo socio-cognitivo.

 

 


 

home