Qualora la presenza e l'attività del tirocinante si pongano in contrasto con gli obiettivi della struttura presso cui si effettua il tirocinio, è facoltà dell'Ente sospendere o revocare il tirocinio. Il provvedimento deve essere motivato con comunicazione scritta all'Università.

 Qualora il tirocinante per validi e documentati motivi intenda modificare l'Ente prescelto per il tirocinio, deve rivolgere domanda al Consiglio Didattico del corso di laurea che ne autorizza il cambiamento. 

 L'interruzione del tirocinio (per non più di un anno) è consentita solo nei casi di grave malattia o maternità. In questi casi occorre documentare i motivi dell'interruzione seguendo le modalità previste dall'ufficio competente dell'Università. Negli stessi casi i periodi di tirocinio svolti sono validi e quindi contribuiscono al raggiungimento del monte ore richiesto.

Per richiedere il cambio sede di tirocinio scaricare l'Istanza al Magnifico Rettore, compilarla indicando, insieme ad una breve motivazione, le due sedi di tirocinio (quella scelta inizialmente e quella del cambio)  e consegnarlo in Segreteria Studenti; dopo l'approvazione della richiesta da parte del Consiglio Didattico in Psicologia, recarsi presso la Segreteria Studenti con un nuovo progetto formativo e domanda al Magnifico Rettore (non apporre più la marca da bollo) compilati con i dati della nuova sede e del nuovo tutor, e consegnarlo insieme al Libretto di Tirocinio dove verrà indicato il cambio.